Privacy Policy Storia | Challenge to Change La sfida per cambiare | www.classi20.it

Storia



Marzo 2015. La prima edizione del Challenge to Change


Il Challenge to Change è nato da un’idea di Alberto Pian, dopo la sua partecipazione all’ADE Global Institute di San Diego (CA). L’idea di costituire un team misto USA - Italia di pionieri della didattica, che toccasse diverse città italiane, ha trovato numerosi sostenitori e partner che hanno reso possibile l’organizzazione di questa complessa e articolata esperienza.


Dove siamo stati

Lunedi, 2 Marzo 2015, Roma. 9,30 - 17  Evento pubblico
Roma Eventi, via Alibert 5 (p.za di Spagna - 
vedi sede).
Partner dell’evento: 
RStore.

Mercoledì, 4 Marzo 2015, Napoli. 9,30 - 17 Evento pubblico
Istituto Sacro Cuore, Corso Europa 84 (vedi sede).
Partner dell’evento: RStore.

Giovedì, 5 Marzo, Genova. Incontro con i docenti della International School, presso la loro sede.
Partner dell’evento: Rekordata.

Giovedì, 5 Marzo, Torino. 9,30 - 17 Evento pubblico
Fondazione Piazza dei Mestieri, via Jacopo Durandi 13 (vedi sede).
Partner dell’evento: 
Rekordata.

Venerdì, 6 Marzo, Lucca. 14 - 19 Evento pubblico
Fondazione CARILU, Via San Micheletto (vedi sede).
Partner dell’evento: DataPort.

Per informazioni e contatti potete inviare una mail a questo indirizzo 


Partner

Challenge to Change 1 è parte della formazione nazionale UIBI (Ubiquitous Learning), riconosciuta dal ministero e valevole per l’assenza del personale docente dal servizio. Partner dell’iniziativa: Classi20.it insieme agli Apple Solution Expert  DataPortRekordata, RStore  insieme a Centro Leonardo e Fondazione della Cassa di Risparmio di Lucca,

Hanno sostenuto e collaborato alla prima edizione:

Scuola IaD - Università Tor Vergata (Roma), ApplicandoLa casa degli insegnanti di TorinoEPICTItalia - DIBRIS Università di Genova, De agostini scuolaÈspero

Per informazioni e contatti potete inviare una mail a questo indirizzo 


Incontri interattivi

Abbiamo illustrato alcune pratiche attive significative. Gli insegnanti hanno appreso come applicarle e hanno ricevuto spunti, idee, suggerimenti per lavorare in classe. Gli incontri sono stati interattivi. Gli insegnanti presenti interagiranno con i relatori. Inoltre avranno anche la possibilità di simulare e di applicare le pratiche e le metodologie affrontate. I partecipanti hanno potuto portare un proprio iPad, altri sono stati forniti.


Risorse del Challenge to Change, prima edizione



La partecipazione è gratuita. Data la grande richiesta, per garantire la massima diffusione dell'iniziativa, vorremmo che le idee e le pratiche che verranno divulgate nel corso degli eventi possano coinvolgere il più ampio numero di docenti. Dobbiamo quindi fare in modo che la partecipazione sia estesa al maggior numero di scuole, limitando, se necessario, la presenza degli insegnanti di uno stesso istituto, salvo casi particolari.  E’ possibile iscriversi agli eventi di Roma, Napoli, Torino e Lucca. Si possono iscrivere esclusivamente insegnanti, formatori, educatori, professionisti del mondo dell’educazione. Agli eventi è prevista la traduzione simultanea. Consigliamo di portare il proprio iPad per poter partecipare in modo attivo. Si possono portare altri tablet / device, ma le indicazioni di app da scaricare riguardano gli iPad. Verrà aperto e comunicato un corso iTunes U per consentire di seguire il programma degli eventi e scaricare le risorse utili per le attività pratiche. Le stesse indicazioni saranno riportate anche in www.lasfidadidattica.it  Il corso è utile per tutti i livelli di scuola perché trattiamo di metodi e di pratiche didattiche dalle quali trarre idee e ispirazione. Non si possono modificare le date e gli orari anche perché siamo legati a tempi di viaggio molto stretti. 

Challenge to Change è parte della formazione nazionale UIBI (Ubiquitous Learning), riconosciuta dal ministero e valevole per l’assenza del personale docente dal servizio. In tutte le città in cui si tiene Challenge to Change.
Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana. Port. n. 48547/R9, valevole ai fini dell’esonero ex art. 62, c. 5, CCNL int.




© www.classi20.it, 2015, 2016